Università della Basilicata
Via San Rocco, 3
75100 Matera
sage@unibas.it
sage@unifg.it
sage@unisalento.it
Foggia 328-6634106
Lecce 0832-296473
Napoli 347-5493780

Sbocchi occupazionali

Il CdS SAGE prepara i suoi laureati a svolgere mansioni e attività con funzioni di elevata responsabilità, nei seguenti settori e con i seguenti ruoli:

– nel settore dei servizi ed in particolare in quelli relativi ai comparti socio-economico, educativo e sanitario;
– nelle strutture preposte alla pianificazione territoriale e del turismo;
– nelle strutture dedicate alla cooperazione internazionale e alle misure relative all’accoglienza e all’inserimento sociale degli immigrati, anche attraverso la gestione dei problemi connessi  alla comunicazione e mediazione interculturale;
– in ogni tipo di struttura preposta alla salvaguardia, alla valorizzazione delle comunità socioculturali locali, delle minoranze nazionali, dei gruppi transnazionali;
– nelle strutture che svolgono attività editoriali relative ai punti precedenti, nonché quelle  focalizzate sul turismo;
– nelle strutture dedicate ad attività di conservazione e gestione di beni artistico-museali e dei  patrimoni demoetnoantropologici;
– nelle strutture di ricerca etnoantropologica e/o geografica, empirica e teorica, in ambito nazionale e internazionale;
– nei gruppi di lavoro interdisciplinari finalizzati alla progettazione della rigenerazione urbana e territoriale;
– ruolo e mansioni di demoetnoantropologo o geografo negli Enti Locali (Assessorati e Uffici per il Patrimonio Culturale, Gestione del territorio ecc.);
– libero professionista o consulente presso imprese pubbliche e private per progetti e opere che coinvolgono contesti ed entità demoetnoantropologiche;
– creazione o partecipazione a società-imprese-aziende operanti nel campo demoetnoantopologico e/o geografico a vario titolo e obiettivo: indagini sul campo, progetti di valorizzazione, comunicazione e fruizione dei beni demoetnoantropologici e del patrimonio culturale (comprese case editrici, società di comunicazione, aziende del terzo settore e del sociale ecc.), anche in relazione alla comunicazione visuale e alla produzione di documentari e reportage fotografici e giornalistici;
– ruolo di esperto antropologo/geografo all’interno di aziende che operano nel settore del turismo offrendo percorsi centrati sulla valorizzazione dei patrimoni culturali;
– ruolo di esperto antropologo/geografo all’interno di realtà operanti nel settore del teatro e dello spettacolo e di realtà del terzo settore;
– consulente (expertise giuridico culturale) in casi di contenzioso che riguardano il patrimonio culturale materiale e immateriale;
– direzione di centri studi e di ricerca, in settori della pianificazione culturale, territoriale, del turismo e della gestione delle risorse ambientali e territoriali;
– consulente ed esperto antropologo/geografo all’interno di strutture scientifiche e imprenditoriali deputate al trattamento e all’interpretazione dell’informazione dei dati territoriali, sociali e culturali;
– esperto antropologo/geografo nell’editoria multimediale;
– consulente ed esperto antropologo/geografo nelle attività di individuazione di aree suscettibili di valorizzazione turistica, in base alla valutazione delle risorse ambientali, economiche e
socioculturali, e alla sostenibilità dei fenomeni, da inquadrare in scale d’osservazione diverse;
– consulente ed antropologo/geografo nell’ambito della diffusione dell’informazione ambientale e turistica, anche in collaborazione con altri specialisti;
– consulente ed esperto antropologo/geografo nelle strutture che si avvalgono della consulenza nel campo della gestione e fruizione dei beni culturali-territoriali (parchi, aree di pregio sotto il profilo dell’ambiente e della cultura materiale e immateriale);
– antropologo/geografo all’interno di enti locali e pubbliche amministrazioni che si avvalgono di consulenze per l’elaborazione e la realizzazione di progetti di pianificazione e gestione
ambientale e paesaggistica. I laureati che avranno crediti in numero sufficiente in opportuni gruppi di settori scientifico disciplinari potranno, come previsto dalla legislazione vigente, partecipare alle prove di ammissione per i percorsi di formazione per l’insegnamento.

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT):
• Antropologi – (2.5.3.2.2)
• Geografi – (2.5.3.2.3)
• Curatori e conservatori di musei – (2.5.4.5.3).

Continuando a navigare nel sito, dichiari di accettare i cookies Altre informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close